Andalusia,  Itinerari Spagna,  Spagna

Itinerario Andalusia Base

Il modo migliore per scoprire l’Andalusia è indubbiamente in auto, perché vi permetterà di spostarvi facilmente da un luogo all’altro al vostro ritmo e regalandovi dei panorami indimenticabili tra una tappa e l’altra.
Tutte le principali città e luoghi da visitare sono abbastanza vicini tra loro e molto ben collegati attraverso una funzionale rete autostradale. Paesaggi meravigliosi e splendidi panorami vi accompagneranno lungo il viaggio, rendendolo un’esperienza davvero piacevole.
Qui trovate un esempio di un itinerario di base per un viaggio di 10 giorni, che vi darà un primo assaggio di questa regione meravigliosa.
L’itinerario include le principali città e attrazioni e può ovviamente essere adattato alle vostre esigenze in base al tempo  che avete a disposizione e alle vostre preferenze.
L’itinerario che vi propongo qui è quello che ho costruito nel mio secondo viaggio on the road in Andalusia, dopo il mio primo in assoluto, che avevo però dedicato alla visita delle tre città andaluse per eccellenza di Siviglia, Granada e Cordoba.
Se è il vostro primo viaggio in Andalusia, vi consiglio vivamente di concentrarvi esclusivamente su queste 3 città e dedicare loro tutto il tempo necessario, per assaporarle con calma e senza fretta. Ognuna di esse merita la vostra completa attenzione e di essere scoperta ed esplorata nei minimi dettagli. 
L’itinerario che vi descrivo in questo articolo è un itinerario completo, che tocca le principali città, quindi a seconda dei vostri interessi (e soprattutto del tempo che avete a disposizione!) potrete benissimo decidere, come avevo fatto io all’epoca, di dedicare un primo viaggio alle tre città e poi allargare l’itinerario in un secondo momento.
Se invece avete più giorni a disposizione, potete benissimo inserire 

Il periodo migliore per pianificare un viaggio in Andalusia è senz’altro la primavera. Un po’ per via delle temperature, che non raggiungeranno i valori dell’estate e le giornate saranno pertanto ancora godibili, un po’ perché in Spagna primavera è sinonimo di Feria! In quel periodo infatti, soprattutto tra aprile e maggio, ogni città allestisce la sua Feria locale e una visita a una Feria è qualcosa che non può mancare nel vostro viaggio! Un’esperienza davvero imperdibile che vi immergerà totalmente nelle usanze e nell’atmosfera locale. Ma troverete un mio articolo a parte solo per la Feria, non preoccupatevi!
Via che si parte!

Giorno 1: Siviglia

Dall’aeroporto di Siviglia, il mezzo più comodo per raggiungere il centro di Siviglia  in 15 minuti è senza dubbio il taxi, essendo il tragitto veramente breve e pertanto economico.
Lasciati i bagagli in hotel (ce ne sono per tutte le tasche e per tutti i gusti, ma per qualsiasi consiglio non esitate a contattarmi!), potete subito addentrarvi alla scoperta della città, iniziando dalla visita della Cattedrale (una delle più grandi della cristianità) e della sua Giralda

Passeggiata per la città vecchia, attraverso il dedalo di viuzze del pittoresco Barrio de Santa Cruz, vagando per le sue strade anguste, con balconi fioriti, facciate riccamente decorate e patii nascosti. Una vera perla in città. 


Il quartiere è ricco di ristorantini caratteristici dove poter cenare a prezzi veramente contenuti malgrado la zona centralissima e potrete tranquillamente sceglierne uno tra i tanti oppure spostarvi nel dedalo di viuzze intorno alla Cattedrale dove ne spuntano altrettanti ad ogni angolo, specialmente in calle Mateos Gago, dove il mio preferito è senza alcun dubbio Patanchón, dove vi potrete rimpinzare di tapas di tutti i tipi per una cifra veramente ridicola! Provare per credere!!!

Tapas Bar Patanchón

Il periodo migliore dell’anno per visitare Siviglia è senza dubbio aprile: durante le celebrazioni e processioni della Semana Santa (Settimana Santa) e la Feria de Abril (Fiera di aprile), per un autentico assaggio delle tradizioni e della cultura andalusa. 
Pernottamento a Siviglia.

Giorno 2: Siviglia

Il giorno seguente va senza dubbio dedicato ad una visita dell’Alcázar, il palazzo reale in stile mudéjar che vi lascerà a bocca aperta e dei suoi incantevoli giardini.
Nel pomeriggio se non siete troppo stanchi (nei miei itinerari macino parecchi km al giorno e voglio vedere tutto, ma immagino che possa essere stancante per alcuni di voi, quindi adattate gli itinerari ai vostri interessi e soprattutto ai vostri ritmi!) vi consiglio una visita a Casa Pilatos, una grande dimora del XVI secolo in cui stili mudéjar, gotici e rinascimentali si fondono armoniosamente tra cortili e giardini esuberanti. E’ davvero splendida e non rimarrete delusi!
Al termine potrete trascorrere il resto del pomeriggio passeggiando per il vasto Parque María Luisa o per la bellissima Plaza de España (progettata per la fiera mondiale iberoamericana del 1929), con le sue tipiche nicchie piastrellate, ognuna raffigurante la storia di una diversa provincia della Spagna.
Godetevi una passeggiata lungo il Guadalquivir in Paseo de las Delicias, oltrepassate la Real Fábrica de Tabacos (ora sede dell’università di Siviglia), fino alla Torre de Oro e alla Plaza de Toros de la Maestranza.
Pernottamento a Siviglia.

Giorno 3: Siviglia

Visita dell’Archivo General de Indias (dove sono conservati i documenti storici del continente americano) e attraversando il ponte di Triana sul grande fiume Guadalquívir, goditevi una passeggiata attraverso i quartieri di Triana.
Ritiro dell’auto a noleggio alla stazione ferroviaria di Siviglia Santa Justa e partite in direzione Cadiz (120 km).
Arrivo a Cádiz nel tardo pomeriggio in tempo per una passeggiata sul lungomare lungo la famosa spiaggia de La Caleta con i suoi splendidi tramonti e nel centro storico per la cena.
Pernottamento a Cádiz.

Giorno 4: Jerez de la Frontera

Partenza per Jeréz de la Frontera in treno (33 km).
Visita della fortezza moresca Alcázar del XII secolo, l’edificio più antico di Jeréz. Visita alla Cattedrale.
A mezzogiorno non perdetevi lo spettacolo Como Bailan los Caballos Andaluces magistralmente eseguito dalla famosa Fundación Real Escuela Andaluza del Arte Ecuestre, uno spettacolo assolutamente da non perdere a Jérez (sempre meglio prenotare i biglietti con largo anticipo). Dopo lo spettacolo, goditevi una passeggiata nel centro della città fino a Plaza de Toros per una corrida (spettacolo di 3 ore), oppure approfittate per un tour e degustazione in una delle tante Bodegas di sherry della città, per cui gode di fama internazionale.
Rientro in treno a Cádiz. Pernottamento a Cádiz.

Giorno 5: Cadice - Tarifa - Gibilterra

Mattinata a Cádiz. Visita della Cattedrale con le sue pareti giallo sabbia. Passeggia per le stradine caratteristiche del centro città. Percorrete il lungomare fino al porto lungo le fortificazioni della città circondate dal mare.
Partenza per Tarifa (130 km), il punto più meridionale del continente europeo, nota come “La città del vento” e capitale europea del windsurf. Passeggiata per il piccolo centro città.
Partenza per Gibraltar, territorio britannico d’oltremare situato all’estremità meridionale della penisola iberica all’ingresso del Mediterraneo.
Tour panoramico in autobus per la città fino alla Rocca popolata delle sue famose scimmie e visita alle grotte di San Miguel.
Partenza per San Pedro de Alcantara (70 km da Gibraltar) con una breve sosta nell’affascinante cittadina di Estepona lungo il percorso (a 50 km da Gibilterra).
Pernottamento a San Pedro de Alcantara.

Giorno 6: Ronda - Malaga

Partenza per Ronda (50 km da San Pedro) situata in una zona montuosa a circa 750 mt sul livello del mare. Il fiume Guadalevín attraversa la città, dividendola in due e scolpendo il ripido canyon El Tajo, profondo più di 100 metri, sul quale si erge la città. La vista del canyon da Ponte Nuevo è impressionante. Mattina a Ronda, visita del centro storico della città (Se avete tempo concedetevi una notte di pernottamento a Ronda, la città la sera è avvolta in un’atmosfera indimenticabile).
Partenza per Málaga (100 km) lungo l’autostrada costiera (Autovía del Mediterraneo), che offre splendide viste panoramiche.
Giornata a Málaga. Passeggiata per il centro città, visita della Cattedrale e della zona del porto con il suo bellissimo lungomare.
Pernottamento a Málaga.

Giorno 7: Malaga - Granada

Mattinata a Málaga. Visita della fortezza Alcazaba e del castello Gibralfaro.
Partenza per Granada (125 km) Pomeriggio a Granada. Passeggiata nell’antico quartiere Almohad Albaicín, con le sue costruzioni moresche e le famose grotte scavate nella montagna di Sacromonte (un tempo abitata da zingari) dove le persone vivono ancora oggi di artigianato locale.
Pernottamento a Granada.

Giorno 8: Granada

Visita dell’incantevole e spettacolare Alhambra, la cittadella moresca e il palazzo reale, l’edificio più famoso dell’eredità storica islamica andalusa e dei giardini del Generalife.
Nel pomeriggio visita della Cattedrale e della Cappella Reale (luogo di sepoltura dei Re Cattolici). Passeggiata per il centro città.
Pernottamento a Granada.

Giorno 9: Cordoba

Partenza per Córdoba (210 km), l’antica capitale del regno moresco di El-Andalus, il regno più potente dell’Islam. Lungo la strada da Granada a Córdoba, le città andaluse di Ubeda, Jaén e la spendida Baeza meriterebbero una visita, ma le tratteremo in un itinerario diverso. Se avete più giorni a disposizione ovviamente nulla vi impedisce di inserirle!
A Córdoba  visita della Sinagoga, il quartiere ebraico e passeggiata attraverso i famosi patios della città (cortili riccamente decorati). Nella prima settimana di maggio in città si svolge il Festival de los Patios Cordobeses, un esperienza imperdibile che vi consentirà di trascorrere un’intera giornata visitando i patii delle case riccamente decorati in mille modi diversi. Avrete a disposizione una mappa con diversi itinerari per visitare tutti i patii situati nelle diverse aree della città. In occasione del festival allestiscono perfino un concorso per il patio più bello, quindi ogni abitazione cerca di superarsi nella preparazione del proprio!
Pernottamento a Córdoba.

Giorno 10: Cordoba

Visita dell’Alcazar de los Reyes Catolicos, una delle residenze primarie dei Re Cristiani. Visita della Grande Moschea, chiamata anche Mezquita, uno dei pezzi di architettura religiosa più famosi al mondo con le sue centinaia di delicate colonne di marmo ed eleganti archi.
Partenza per Sevilla (140 km). Restituzione dell’auto noleggiata all’aeroporto di Siviglia.

Possiamo personalizzare insieme il tuo itinerario in Andalucía secondo le tue esigenze, posso darti molti altri consigli ed effettuare per te tutte le prenotazioni lungo il percorso.
Contattami e sarò felice di aiutarti a conoscere questo paese che adoro!

In occasione del primo anniversario di matrimonio volevamo fare un bel viaggio ma non avevamo idea di dove andare e tanto meno di come organizzarci. Abbiamo pensato di contattare IzzieTrip ed è stata la nostra fortuna! Le abbiamo esposto la nostra situazione e cioè fare un bel viaggio a fine aprile, 10 giorni a disposizione e un budget non “illimitato”… e lei ci ha trovato la soluzione ottimale: l’Andalusia! Ha organizzato tutto il nostro itinerario, dal volo al noleggio auto, dalle prenotazione alberghiere ai luoghi da visitare. Pur non avendo a disposizione un alto budget, tutti gli alberghi che ci aveva prenotato Izzie erano belli, puliti, centrali, con personale sempre molto gentile e disponibile. Per mangiare ci ha suggerito posti non turistici ma tipici e frequentati soprattutto da spagnoli, permettendoci così di vivere le varie città più a fondo e di assaporare piatti della vera cucina spagnola. Visto quindi l’esito positivo della nostra esperienza, consigliamo a tutti di contattare Izzie per organizzare un viaggio o un weekend perché grazie alla sua professionalità, esperienza e passione potrete conoscere le città da un altro punto di vista.

Laura e Stefano

Anniversario di matrimonio in Andalucía

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.