Egypt

Il Bacio del Sole a Ramses – Abu Simbel, 22 Febbraio

For most of the year, the inner sanctum of the main temple at Abu Simbel is shrouded in darkness. On two days, traditionally the anniversary of the birthday and coronation of pharaoh Ramses II, a shaft of sunlight pierces the gloom, illuminating statues of gods and the king in the temple’s inner sanctum.
On February 22, a day celebrating the king’s birthday and again on October 22, a day celebrating his coronation, sunlight illuminates seated statues of the sun gods Re-Horakhte and Amon-Re, as well as a statue of king Ramses II. The statues sit in the company of the Theban god of darkness, Ptah (who remains in the shadows all year).
The spectacle—which has endured more than 3,200 years of Egyptian history—draws thousands of tourists to Abu Simbel to watch this ancient tribute to a pharaoh whose name is still known up and down the Nile Valley for his military exploits and monumental building projects.

2e37cd10-a4fa-468e-ae41-93cd74d3bdc8285c6f8e-a140-472d-803f-7c347ec2628c

Temple of a God-King
Ramses, who ruled Egypt for 66 years from 1270 to 1213 BC (about 50 years after the death of Tutankhamen, better known as King Tut) made a name for himself by battling the Hittites and the Syrians, Egypt’s enemies to the north.
To celebrate his victories, Ramses erected monuments up and down the Nile with records of his achievements. He completed the hypostyle hall at Karnak (Thebes), and completed the funerary temple of his father, Seti I, at Luxor on the West Bank of the Nile.
The main temple at Abu Simbel, which Ramses ordered built near the border of Nubia and Upper Egypt, was dedicated to two sun gods, Amen-Re and Re-Horakhte. Standing 100 feet (33 meters) tall, the temple was carved into an already-standing sandstone mountain on the banks of the Nile.
Four colossal statues of Ramses, each 66 feet (22 meters) high, guard the entrance to the temple. Rising to the pharaoh’s knees are smaller statues of family members: his mother; favorite wife, Nefertari; and son, Prince Amonherkhepshef.
Inside the temple, three connected halls extend 185 feet (56 meters) into the mountain. Images of the king’s life and many achievements adorn the walls. A second temple at Abu Simbel is dedicated to Nefartari, who appears to have been Ramses’ favorite wife.

“Abu Simbel was one of, if not the largest, rock-cut temples in Egypt,” says Bruce Williams of the Oriental Institute of Chicago, “The rock was sacred because the Egyptians believed the deity was living inside the mountain.”

Rock-cut temples may have been especially significant in ancient Egypt because the bulge in the otherwise flat land may have signified the location where the gods emerged from the Earth, says Williams.

Monumental Move
The Abu Simbel temples do not sit in their original location. Egypt’s growing need for electricity prompted the controversial construction of the Aswan High Dam in the 1960s.The dam created Lake Nasser, and rising waters flooded a number of important archaeological sites along the banks of the Nile and displaced thousands of people who lived in the area.
The rising waters threatened the temples at Abu Simbel. Members of the United Nations Education, Science, and Cultural Organization (UNESCO) orchestrated a massive construction project that moved the temple back 690 feet to its present site.
Piece by piece, craftsmen cut the temple, and the nearby temple of Nefertari into massive blocks of sandstone up to thirty tons. Both temples were carefully reassembled on a new steel and cement “mountain,” safe from the water’s edge.
The only result of the move is that the days of illumination have shifted by one—the illumination used to occur on February and October 21.

 

IL BACIO DEL SOLE A RAMSES si è verificato anche quest’anno puntuale il 22 febbraio quando i raggi del sole sono entrati nel tempio di Abu Simbel illuminando la camera del Faraone.

Di seguito il comunicato stampa a cura di Ente Turismo Egiziano, Ufficio Stampa Marina Tavolato Travel Marketing, Roma.

Una delle località più scenografiche d’Egitto è scenario di un fenomeno suggestivo tra scienza e magia. Da sempre i popoli antichi costruiscono creando corrispondenze fra l’allineamento di edifici sacri e la disposizione di costellazioni e pianeti, testimoniando la consapevolezza del legame fra fenomeni celesti e terrestri, in particolare della forte influenza del sole sulle vicende del mondo. Uno degli esempi più incredibili di questo legame fra architettura e astrologia è ad Abu Simbel, località dell’alto Egitto, dove da migliaia di anni due volte l’anno avviene quello che è definito il “miracolo del sole”: dalla piccola porta incastonata tra le colossali statue i raggi di luce penetrano nell’oscurità del tempio illuminando l’effige del faraone.

2e37cd10-a4fa-468e-ae41-93cd74d3bdc8285c6f8e-a140-472d-803f-7c347ec2628c

Abu Simbel è un complesso archeologico fatto costruire da Ramses II nel XIII secolo a.C, scoperto nel 1813 dall’archeologo svizzero Johann Ludwig Burckhardt (però il primo ad entrarvi fu l’italiano Giovanni Battista Belzoni nel 1817). È stato riconosciuto nel 1979 patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, che nel 1964 aveva promosso un’operazione archeologica spostando i templi, smontandoli blocco per blocco, sulla riva del Lago Nasser dove si trovano oggi per evitare che venissero sommersi dalle acque del Nilo in seguito alla realizzazione della diga di Assuan.

Il complesso di Abu Simbel è composto da due templi scavati nella roccia: il più grande dedicato a Ramses II, il secondo, più piccolo, a sua moglie Nefertari. Grazie all’orientamento del tempio, i raggi del sole entrano due volte l’anno nel santuario del tempio di Ramses, andando a colpire un punto preciso per ben 20 minuti: il volto della statua del faraone. Questo fenomeno si verifica il 22 febbraio e il 22 ottobre. Secondo gli antichi egizi i raggi del sole avrebbero così ricaricato di energia la figura del faraone.

Nel corso dell’anno vengono illuminate anche altre divinità sedute nel Santuario insieme a Ramses II deificato: Amon-Ra (padre di tutti gli dei e dio del solei) e Ra (dio del sole). Volutamente rimane escluso dal fenomeno il dio delle tenebre Seth.

 La storia dice che il 22 Febbraio fosse il giorno in cui nacque il Faraone Ramses (in questa data aveva infatti inizio l’anno civile egiziano) e il 22 Ottobre quello dell’incoronazione e che per questo furono scelte queste date come importanti nella vita del Regno. Archeologi invece sostengono che il 22 Ottobre fosse la data della fine della piena del Nilo e il 22 Febbraio la data della raccolta.   

POST RATE
5/5

Un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.